Il mercato dell’outsourcing IT è in crescita

L'EMEA ISG Index per il terzo trimestre del 2020 mostra che la regione DACH è uno dei più grandi mercati in EMEA per i servizi gestiti. Anche l'Infrastructure-as-a-Service e l'outsourcing IT sono cresciuti.

L'EMEA ISG Index traccia gli accordi di outsourcing del settore privato con un valore contrattuale annuale (ACV) di almeno cinque milioni di euro. Secondo l'ultimo indice per il terzo trimestre del 2020, il mercato del sourcing in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) è stato alimentato principalmente dalla forte domanda di outsourcing IT (ITO).

L'outsourcing informatico e l'as-a-service sono richiesti

Mentre i servizi gestiti si sono indeboliti nel trimestre precedente, si sono ripresi nel terzo trimestre e ora si trovano a un ACV di 2,2 miliardi di euro. Rispetto al Q3 del 2019, questo è il 10 per cento in più. L'ITO è aumentato ancora di più: del 36 per cento, rispetto al 2019, a 1,8 miliardi di euro.

Nel frattempo, il business dei servizi basati sul cloud (As-a-Service, AsS) è cresciuto del 9 per cento rispetto al Q3 del 2019, a 1,7 miliardi di euro. Alla base di questo c'è la forza dell'Infrastructure-as-a-Service (IaaS) in particolare. Qui, il volume del mercato è aumentato del 16% a 1,2 miliardi di euro. Al contrario, il segmento di mercato Software-as-a-Service (SaaS) si è ridotto del 7 per cento a 431 milioni di euro, il volume trimestrale più basso in quasi tre anni.

Barbara Florschütz, Managing Director di ISG Germania

Barbara Florschütz, Managing Director di ISG Germania

In sintesi, il volume totale dei contratti di AaS e servizi gestiti nella regione EMEA è aumentato del 9% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Questo lo porta a 3,9 miliardi di euro. "Il mercato dei servizi gestiti in EMEA è stato caratterizzato da numerosi nuovi contratti nell'ultimo trimestre. Il loro numero era più del 20 per cento più alto rispetto al secondo trimestre", dice Barbara Florschütz, amministratore delegato di ISG Germania. "Tuttavia, l'85% di questi contratti erano per meno di 17 milioni di euro, lo stesso che in altre regioni del mondo. Solo 10 contratti nell'EMEA valevano più di 34 milioni di euro."

Passato il 2020

Nei primi nove mesi di quest'anno, il mercato complessivo nell'EMEA è cresciuto del 2,6% fino a 12,1 miliardi di euro. AsS è cresciuta del 12% a 5,2 miliardi di euro in questo periodo. IaaS in particolare ha contribuito una grande quota, con un aumento del 20 per cento e un totale di 3,8 miliardi di euro. Il volume dei contratti SaaS è sceso del 5 per cento a 1,4 miliardi di euro.

Il volume del mercato ITO è aumentato dell'8,5% a 5,9 miliardi di euro. E il Business Process Outsourcing (BPO) si è ridotto di oltre il 40% a soli 1,0 miliardi di euro. I servizi gestiti nel loro insieme si sono ridotti del 3,6% a 6,9 miliardi di euro. "I bassi risultati regionali, specialmente in Scandinavia, hanno trascinato i Managed Services giù quest'anno", nota Florschütz. "Nonostante questo, i due maggiori mercati EMEA, il Regno Unito e la regione DACH, stanno mostrando una crescita moderata nei servizi gestiti. A sua volta, nel segmento as-as-service, l'intera regione è cresciuta più velocemente finora rispetto all'anno scorso, aumentando la sua quota del mercato complessivo."

La crescita di IaaS finora quest'anno riflette la transizione in corso al cloud computing in EMEA. Gli hyperscaler del cloud, in particolare AWS, Google Cloud e Microsoft Azure, stanno raccogliendo i maggiori benefici dall'aumento della domanda, nonostante l'accanita concorrenza.

In Germania, Austria e Svizzera, i volumi dei contratti di servizi gestiti sono cresciuti del 5 per cento a 1,9 miliardi di euro nei primi nove mesi dell'anno in corso. Covid-19 ha anche visto la domanda di servizi cloud, in particolare IaaS, aumentare tra le aziende meno tecnologicamente esperte che cercano di digitalizzare ulteriormente il loro business.

Per l'intero anno, ISG si aspetta che il mercato dei servizi gestiti sia in calo del 6%. Il settore as-a-service dovrebbe vedere una crescita annuale complessiva del 15,5 per cento.


Lascia un commento