Object storage per e con Kubernetes

Con Artesca, Scality sta lanciando un software di object storage per ambienti Kubernetes che ti permette di iniziare in piccolo e scalare in grande. Per i primi sei mesi, il software, che si trova sotto Ring, è disponibile esclusivamente attraverso HPE sui loro server.

Il software di scale-out file e object storage Ring di Scality non parte nemmeno sotto i tre server. Artesca, l'ultimo software di stoccaggio del produttore, d'altra parte, si accontenta già di un solo server ed è quindi descritto da Scality come "leggero". Secondo il produttore, ulteriori argomenti per questa classificazione sono la semplice installazione, la gestione non complicata e la limitazione all'archiviazione a oggetti. Tuttavia, Artesca è comunque progettata per la massima scalabilità ed è dotata di funzioni tipiche delle imprese, dice Christoph Storzum, direttore regionale per la regione DACH di Scality da febbraio. Il nome Artesca sta per "Arte della scalabilità". In termini di funzioni aziendali, Storzum cita una nuova codifica di cancellazione a doppio strato con un overhead minimo e capacità di auto-riparazione locale, nonché velocità di dati fino a 10 GB/s con latenza minima, a condizione che un sistema all-flash costituisca la base.

Dal bordo al multi-cloud ibrido

Gli scenari di implementazione di Artesca vanno dalle posizioni di bordo al data center al multi-cloud. La soluzione è intesa principalmente come storage primario per applicazioni cloud-native che sono abilitate a S3 e per lo più basate su Kubernetes. Gli esempi includono applicazioni IoT come l'analisi dei dati dei sensori, il backup con Veeam o Kasten, l'analisi dei grandi dati, l'AI e l'apprendimento automatico o i servizi cloud di base e lo streaming dei media. Per molte di queste applicazioni, gli HDD non sono più sufficienti. Storzum ritiene che la flash QLC sia il mezzo di archiviazione adatto in questo caso. "Fino a 50 TB, l'uso di Artesca è addirittura gratuito", aggiunge il direttore regionale. Usando una GUI uniforme, gli amministratori possono non solo gestire l'object storage locale fornito tramite Artesca e usarlo per le applicazioni, ma anche lo storage S3 nel multi-cloud. Qui Scality utilizza la tecnologia Zenko già usata in Ring. Più tardi, sarà aggiunta un'interfaccia per la gestione dei nastri. I dati S3 di Ring o di secchi S3 esistenti possono essere importati nei namespace di Artesca. La ricerca dei metadati S3 può essere fatta tramite la GUI, ma è anche disponibile per altre applicazioni tramite un'API. Artesca rende anche i dati sulle prestazioni e la capacità disponibili ad altri framework e applicazioni tramite un'API RESTful. Con l'adozione dell'API COSI (Container Object Storage Interface) da parte del Kubernetes SIG Storage Group, dovrebbe essere possibile automatizzare il provisioning dell'object storage usando Kubernetes in futuro. Secondo il produttore, gli sviluppatori DevOps e gli amministratori di applicazioni nei dipartimenti specializzati non hanno bisogno di alcuna conoscenza approfondita dello storage o di Linux per gestire Artesca.

Artesca stessa è cloud-native, divisa in container e supporta l'installazione in ambienti Kubernetes così come su server bare metal. Per questo, porta il proprio Kubernetes sotto forma di distribuzione Metal-K8s di Scality. Scality nomina Ezmeral di HPE, VMware Tanzu e Red Hat OpenShift come future soluzioni Kubernetes supportate. Inoltre, Scality lavora a stretto contatto con diversi produttori che vogliono utilizzare Arteca come base per le loro applicazioni. Storzum cita Veeam, per esempio, anche con Kasten.io, Vertica, Weka.io, Broadpeak e Ctera.

Inzialmente disponibile solo tramite HPE

Per i prossimi sei mesi, Artesca sarà disponibile esclusivamente tramite il fornitore HPE e il suo canale, su sistemi HPE selezionati o come servizio cloud tramite HPE Greenlake. Lo sfondo dell'accordo esclusivo iniziale è che HPE non è solo uno dei finanziatori di Scality, ma era anche direttamente coinvolto nel lancio. I sei sistemi HPE inizialmente offerti per Artesca includono server Apollo e Proliant con storage all-flash e ibrido. A differenza di Ring, Artesca è offerto come parte di un modello di abbonamento che include un supporto aziendale 24/7. Il prezzo di partenza è di 3.800 dollari all'anno, il termine è di uno, tre o cinque anni. Secondo Christoph Storzum, Artesca è quindi circa il 20 per cento più economico di Ring, per il quale è previsto anche un modello di abbonamento.


Lascia un commento