Miti e fatti sul formato file JPEG

Con l'esplosione di scanner, fotocamere digitali e World Wide Web, il formato di immagine JPEG è diventato rapidamente il formato di immagine digitale più utilizzato. È anche il più frainteso. Ecco alcune idee sbagliate e fatti comuni.

JPEG è l'ortografia corretta: vero

Sebbene i file finiscano spesso con l'estensione di tre lettere JPG o JP2 per JPEG 2000, il formato del file è scritto JPEG. È l'acronimo di Joint Photographic Experts Group, l'organizzazione che ha sviluppato il formato.

I file JPEG perdono qualità ogni volta che vengono aperti: falso

La semplice apertura o la visualizzazione di un'immagine JPEG non la danneggia in alcun modo. Salvare un'immagine ripetutamente durante la stessa sessione di modifica senza mai chiudere l'immagine non accumulerà una perdita di qualità. La copia e la ridenominazione di un JPEG non comporterà alcuna perdita, ma alcuni editor di immagini ricomprimono i JPEG quando viene utilizzato il comando "Salva con nome". Duplica e rinomina JPEG in un file manager invece di utilizzare "Salva come JPEG" in un programma di editing per evitare ulteriori perdite.

I file JPEG perdono qualità ogni volta che vengono aperti, modificati e salvati: vero

Quando un'immagine JPEG viene aperta, modificata e salvata di nuovo, si verifica un ulteriore degrado dell'immagine. Riduci al minimo il numero di sessioni di modifica tra la versione iniziale e quella finale di un'immagine JPEG. Se è necessario eseguire funzioni di modifica in più sessioni o in più programmi diversi, è necessario utilizzare un formato immagine non con perdita di dati, come TIFF, BMP o PNG, per le sessioni di modifica intermedie prima di salvare la versione finale. Il salvataggio ripetuto all'interno della stessa sessione di modifica non introdurrà ulteriori danni. Succede solo quando l'immagine viene chiusa, riaperta, modificata e salvata di nuovo.

I file JPEG perdono qualità ogni volta che vengono utilizzati in un programma di layout di pagina: Falso

L'utilizzo di un'immagine JPEG in un programma di impaginazione non modifica l'immagine di origine, quindi non si perde la qualità. Tuttavia, potresti scoprire che i tuoi documenti di layout sono considerevolmente più grandi della somma dei file JPEG incorporati perché ogni programma software di layout di pagina utilizza diversi tipi di compressione sui loro file di documento nativi,

Se comprimo un JPEG al 70 percento e successivamente lo riapro e lo comprimo al 90 percento, l'immagine finale verrà ripristinata con un'impostazione di qualità del 90 percento: Falso

Il salvataggio iniziale al 70 percento introduce una perdita permanente di qualità che non può essere ripristinata. Un nuovo risparmio al 90% introduce solo un ulteriore degrado di un'immagine che ha già subito una notevole perdita di qualità. Se è necessario decomprimere e ricomprimere un'immagine JPEG, l'utilizzo della stessa impostazione di qualità ogni volta sembra introdurre un degrado minimo o nullo nelle aree non modificate dell'immagine.

Tuttavia, la stessa regola di impostazione appena spiegata non si applica quando si ritaglia un JPEG. La compressione viene applicata in piccoli blocchi, in genere con incrementi di 8 o 16 pixel. Quando ritagli un JPEG, l'intera immagine viene spostata in modo che i blocchi non siano allineati nelle stesse posizioni. Alcuni software offrono una funzione di ritaglio senza perdita di dati per i JPEG, come JPEGCrops freeware.

La scelta della stessa impostazione di qualità numerica per i JPEG salvati in un programma darà gli stessi risultati della stessa impostazione di qualità numerica in un altro programma: Falso

Le impostazioni di qualità non sono standard nei programmi software di grafica. Un'impostazione di qualità di 75 in un programma può risultare in un'immagine molto più scadente rispetto alla stessa immagine originale salvata con un'impostazione di qualità di 75 in un altro programma.

Alcuni programmi hanno una scala numerica con la qualità in cima alla scala in modo che un punteggio di 100 sia la qualità più alta con poca compressione. Altri programmi basano la scala sulla compressione dove un'impostazione di 100 è la qualità più bassa e la compressione più alta. Alcuni software e fotocamere digitali utilizzano terminologia come bassa, media e alta per le impostazioni di qualità.

Un'impostazione di qualità pari a 100 non degrada affatto un'immagine: falso

Il salvataggio di un'immagine in formato JPEG introduce sempre una certa perdita di qualità, sebbene la perdita con un'impostazione di qualità di 100 sia appena rilevabile dall'occhio medio. Inoltre, l'utilizzo di un'impostazione di qualità di 100 rispetto a un'impostazione di qualità compresa tra 90 e 95 circa si tradurrà in una dimensione del file notevolmente superiore rispetto al grado di perdita dell'immagine. Se il software non fornisce un'anteprima, prova a salvare più copie di un'immagine con qualità 90, 95 e 100 e confronta le dimensioni del file con la qualità dell'immagine. È probabile che non ci sarà alcuna differenza distinguibile tra le immagini 90 e 100, ma la differenza di dimensioni potrebbe essere significativa. Un leggero spostamento del colore è un effetto della compressione JPEG, anche con impostazioni di alta qualità, quindi il JPEG dovrebbe essere evitato in situazioni in cui è importante una precisa corrispondenza dei colori.

I JPEG progressivi si scaricano più velocemente dei normali JPEG: Falso

I JPEG progressivi vengono visualizzati gradualmente durante il download, quindi inizialmente appariranno con una qualità molto bassa e diventeranno lentamente più chiari fino a quando l'immagine non sarà completamente scaricata. Un JPEG progressivo ha una dimensione del file maggiore e richiede una maggiore potenza di elaborazione per la decodifica e la visualizzazione. Inoltre, alcuni software non sono in grado di visualizzare JPEG progressivi, in particolare il programma di imaging gratuito in bundle con le versioni precedenti di Windows.

I file JPEG richiedono più potenza di elaborazione per essere visualizzati: True

I JPEG non devono solo essere scaricati ma anche decodificati. Se dovessi confrontare il tempo di visualizzazione di una GIF e di un JPEG con la stessa dimensione di file, la GIF verrebbe visualizzata leggermente più velocemente del JPEG perché il suo schema di compressione non richiede la stessa potenza di elaborazione per la decodifica. Questo leggero ritardo è appena percettibile tranne forse su sistemi estremamente lenti.

JPEG è un formato multiuso adatto a quasi tutte le immagini: falso

JPEG è più adatto per immagini fotografiche di grandi dimensioni in cui la dimensione del file è la considerazione più importante, come le immagini che verranno pubblicate sul Web o trasmesse tramite e-mail e FTP. JPEG non è adatto per la maggior parte delle immagini piccole di dimensioni inferiori a poche centinaia di pixel e non è adatto per screenshot, immagini con testo, immagini con linee nitide e grandi blocchi di colore o immagini che verranno modificate ripetutamente.

JPEG è ideale per l'archiviazione di immagini a lungo termine: falso

JPEG deve essere utilizzato solo per l'archiviazione quando lo spazio su disco è la considerazione principale. Poiché le immagini JPEG perdono qualità ogni volta che vengono aperte, modificate e salvate, dovrebbe essere evitato per situazioni di archiviazione quando le immagini richiedono un'ulteriore elaborazione. Conserva sempre una copia master senza perdite di qualsiasi immagine che prevedi di modificare di nuovo in futuro.

Le immagini JPEG non supportano la trasparenza: vero

Potresti pensare di aver visto JPEG con trasparenza sul Web, ma l'immagine è stata in realtà creata con lo sfondo desiderato incorporato nell'immagine in modo tale che appaia senza interruzioni su una pagina Web con lo stesso sfondo. Questo mimetismo funziona meglio quando lo sfondo è una trama sottile in cui le cuciture sono indistinguibili. Tuttavia, poiché i file JPEG sono soggetti a variazioni di colore, in alcuni casi la sovrapposizione potrebbe non apparire completamente uniforme.

Posso risparmiare spazio su disco convertendo le mie immagini GIF in JPEG: Falso

Le immagini GIF sono già state ridotte a 256 colori o meno. Le immagini JPEG sono ideali per immagini fotografiche di grandi dimensioni con milioni di colori. Le GIF sono ideali per immagini con linee nitide e ampie aree di un unico colore. La conversione di un'immagine GIF tipica in JPEG comporterà lo spostamento del colore, la sfocatura e la perdita di qualità. Il file risultante sarà spesso più grande. Generalmente non è di alcun vantaggio convertire GIF in JPEG se l'immagine GIF originale è superiore a 100 Kb. PNG è una scelta migliore.

Tutte le immagini JPEG sono ad alta risoluzione, foto di qualità di stampa: false

La qualità di stampa è determinata dalle dimensioni in pixel dell'immagine. Un'immagine deve avere almeno 480 x 720 pixel per una stampa di qualità media di una foto 4 "x 6". Deve avere 960 x 1440 pixel o anche di più per una stampa di qualità medio-alta. JPEG viene spesso utilizzato per le immagini da trasmettere e visualizzare attraverso il Web, quindi queste immagini sono generalmente ridotte alla risoluzione dello schermo e non contengono dati pixel sufficienti per ottenere una stampa di alta qualità. Potresti voler usare l'impostazione di compressione di qualità superiore della tua fotocamera quando salvi JPEG dalla tua fotocamera digitale per ridurre i danni causati dalla compressione.

Lascia un commento