Perché le foto vengono archiviate in una cartella DCIM?

Se hai una fotocamera digitale di qualsiasi tipo e hai prestato attenzione a come archivia le foto che hai scattato, potresti aver notato che sono conservate in una cartella DCIM.

Quello che potresti non aver capito è che quasi tutte le fotocamere digitali, sia quelle tascabili che quelle professionali DSLR, utilizzano la stessa cartella.

Vuoi sentire qualcosa di ancora più sorprendente? Anche se probabilmente utilizzi le app per visualizzare, modificare e condividere le foto che scatti con il tuo smartphone o tablet, anche quelle foto vengono memorizzate nel telefono in una cartella DCIM.

Quindi cosa c'è di così speciale in questo acronimo onnipresente che ogni azienda sembra essere d'accordo è così importante che tutti devono usarlo per le tue foto?

La cartella DCIM non è correlata al formato di file abbreviato come DICOM (Digital Imaging and Communications in Medicine). DCIM sta anche per altri termini tecnologici come la gestione delle immagini della fotocamera digitale e la memoria interna della fotocamera digitale.


Perché DCIM e non "Foto"?

Shannon Kropp / EyeEm / Getty Images

DCIM sta per Digital Camera IMages, che probabilmente aiuta questa cartella ad avere un po 'più senso. Qualcosa come Foto o Immagini sarebbe molto più chiaro e facile da individuare, ma c'è una ragione per la scelta DCIM.

La denominazione coerente della posizione di archiviazione delle foto per le fotocamere digitali come DCIM è definita come parte delle specifiche DCF (Design Rule for Camera File System), che è stata adottata da così tanti produttori di fotocamere che è praticamente uno standard del settore.

Poiché le specifiche DCF sono così comuni, gli sviluppatori del software di gestione delle foto che hai sul tuo computer e delle app di modifica e condivisione delle foto che hai scaricato sul telefono, sono tutti a proprio agio nel programmare i loro strumenti per concentrare gli sforzi di ricerca delle foto sulla cartella DCIM.

Questa coerenza incoraggia altri produttori di fotocamere e smartphone e, a loro volta, ancora più sviluppatori di software e app, ad attenersi a questa abitudine di archiviazione solo DCIM.

La specifica DCF non si limita a dettare la cartella in cui vengono scritte le foto. Dice anche che quelle schede SD devono utilizzare un file system specifico quando formattate (una delle tante versioni del file system FAT) e che le sottodirectory e i nomi dei file utilizzati per le foto salvate seguono uno schema specifico.

Inoltre, secondo lo standard DCF, l'attributo di sola lettura può essere utilizzato su file e cartelle per proteggerli dall'eliminazione accidentale. Questo è l'unico attributo che lo standard ha definito importante.

La cartella DCIM può avere più directory con una convenzione di denominazione che inizia con un numero univoco seguito da cinque caratteri alfanumerici, come 483ADFEG. I produttori di fotocamere in genere utilizzano caratteri preselezionati per indicare che le foto sono state scattate da quel produttore di fotocamere.

All'interno delle cartelle sono presenti file denominati con quattro caratteri alfanumerici seguiti da un numero compreso tra 0001 e 9999.

Ad esempio, una fotocamera con una cartella principale DCIM potrebbe avere una sottocartella chiamata 850ADFEG e, all'interno di tale cartella, file denominati ADFE0001.JPG, ADFE0002.JPG, ecc.

Tutte queste regole rendono il lavoro con le tue foto su altri dispositivi e con altri software, molto più semplice che se ogni produttore stabilisse le proprie regole.


Quando la cartella DCIM diventa un file DCIM

Considerando l'unicità e il valore che ogni foto personale che scattiamo ha, o ha il potenziale per avere, un'esperienza particolarmente dolorosa si verifica quando le tue foto scompaiono a causa di un problema tecnico di qualche tipo.

Un problema che può verificarsi nelle prime fasi del processo di godimento delle foto scattate è il danneggiamento dei file sul dispositivo di archiviazione, ad esempio la scheda SD. Ciò potrebbe accadere quando la scheda è ancora nella fotocamera o potrebbe verificarsi quando è inserita in un altro dispositivo come il computer o la stampante.

Ci sono molti motivi diversi per cui si verifica una corruzione come questa, ma il risultato di solito sembra una di queste tre situazioni:

  1. Non è possibile visualizzare una o due immagini.

    In questa situazione, spesso non c'è niente che puoi fare. Scatta le foto che puoi visualizzare dalla scheda, quindi sostituisci la scheda. Se si verifica di nuovo, probabilmente hai un problema con la fotocamera o il dispositivo per scattare foto che stai utilizzando.

  2. Non ci sono foto sulla scheda.

    Ciò potrebbe significare che la fotocamera non ha mai registrato le immagini, nel qual caso è opportuno sostituire il dispositivo o potrebbe significare che il file system è danneggiato.

  3. La cartella DCIM non è una cartella ma ora è un singolo file di grandi dimensioni, il che significa quasi sempre che il file system è danneggiato.

Per quanto simili siano # 2 e # 3, almeno se la cartella DCIM esiste come file, puoi sentirti ragionevolmente a tuo agio che le immagini siano lì, semplicemente non sono in una forma a cui puoi accedere in questo momento.

In # 2 o # 3, dovrai cercare l'aiuto di uno strumento di riparazione di file system dedicato come Magic FAT Recovery. Se l'origine del problema è un problema del file system, questo programma può essere d'aiuto.

Se sei abbastanza fortunato da far funzionare Magic FAT Recovery, assicurati di riformattare la scheda SD dopo aver eseguito il backup delle foto. Puoi farlo sia con gli strumenti di formattazione incorporati della tua fotocamera che in Windows o macOS.

Se formatti la scheda da solo, formattala utilizzando FAT32 o exFAT se la scheda supera i 2 GB. Qualsiasi sistema FAT (FAT16, FAT12, exFAT, ecc.) Andrà bene se è inferiore a 2 GB.


Lascia un commento