Scheda RDNA2 per data center e cloud

Con la Radeon Pro V620, AMD annuncia una veloce scheda RDNA2 con 32 GB di memoria grafica che è destinata all'uso in server. Gli scenari di utilizzo includono VDI, apprendimento automatico, rendering basato su cloud o anche cloud gaming.

Con AMD Radeon Pro V620, l'architettura RDNA2 si fa strada nel data center. Sulla scheda raffreddata passivamente si trova un chip Navi-21-TX, che, con 72 unità di calcolo, 4.608 stream processor, 72 acceleratori di ray tracing e una cache Infinity da 128 MB, è equivalente a quello della scheda da gioco Radeon RX 6800 XT. Tuttavia, la Radeon Pro V620 è dotata di 32 GB GDDR6, la memoria grafica è due volte più grande che sul suo modello gemello da gioco.

La memoria è collegata tramite un'interfaccia a 256 bit, la larghezza di banda della memoria si dice sia di 512 GB/s. La frequenza di clock massima della GPU è di 2.200 MHz. Secondo il produttore, la scheda server raggiunge così una performance FP16 di 40,55 TFLOPs e 20,28 TFLOPs a FP32. La scheda PCI Express 4.0 a tutta altezza occupa due slot sulla scheda madre del server, e il produttore specifica il consumo massimo di energia a 300 watt.

Aree di applicazione

Come scenari di applicazione per la Radeon Pro V620, AMD cita l'uso in server VDI per applicazioni desktop e workstation, machine learning, rendering e visualizzazione 3D nel cloud e cloud gaming.

Con la virtualizzazione I/O a radice singola (SR-IOV), fino a 12 macchine virtualizzate possono essere fornite con quattro GB di memoria grafica dedicata per scheda. Per il cloud gaming, si dice che la scheda sia molto adatta grazie alle sue alte prestazioni e al supporto per DirectX 12 e Vulkan 1.1. Per il machine learning, la Radeon Pro V620 supporta la piattaforma ROCm di AMD, che integra framework ML come Tensorflow e PyTorch.

Al momento non ci sono informazioni su prezzo e disponibilità.


Lascia un commento